LA “TV DEI RAGAZZI” CRESCE SEMPRE DI PIU’. OGNI GIORNO 650MILA BABY SPETTATORI

E chi l’ha detto che i nativi digitali non guardano più la televisione? Di sicuro tengono spesso in mano il cellulare o il tablet; certamente hanno una familiarità straordinaria con le App; senza dubbio si tuffano fin da piccolissimi nel pianeta YouTube e in tutti quei siti che offrono filmati in Rete. Ma chi ha dai tre ai sedici anni non ha abbandonato la vecchia, cara tv.

L’elettrodomestico “magico” continua a catturare i ragazzi, persino a segnarne il vocabolario o i comportamenti. Come a dire che anche nell’era dei social network la televisione non è ancora finita in soffitta. Lo dicono i numeri dei ventisette canali tematici per bambini e preadolescenti che l’Auditel censisce e che Avvenire ha messo a confronto.

Negli ultimi cinque anni la platea di quella che un tempo veniva chiamata la “tv dei ragazzi” è cresciuta del 21%: siamo passati dai 537mila spettatori del giorno medio nel 2012 ai quasi 649mila nel 2016. Un incremento che però non è identico per tutte le reti. Mentre le sette stazioni gratuite del digitale terrestre, che chiunque può ricevere con l’antenna di casa, vedono allargarsi del 42% la loro platea, si assiste a un’autentica “fuga” dalle emittenti a pagamento (quasi tutte proposte da Sky a cui si aggiunge qualcosa di Mediaset Premium): i venti canali pay crollano del 43% in un quinquennio e del 32% negli ultimi quattro anni.

Un’emorragia che «mostra come la logica pay sia un ostacolo soprattutto per i più piccoli», spiega Massimiliano Padula, neo presidente del Copercom e presidente uscente dell’Aiart (l’associazione dei telespettatori d’ispirazione cattolica). «Se la televisione a pagamento – prosegue – mette al centro il consumatore consapevole, i bambini non lo sono. E, seguendo questa concezione, in un tempo di crisi le famiglie lasciano la tv che non si possono permettere economicamente».

 

 

 

Per la ricerca Audiel si può approfondire a questo link: https://www.avvenire.it/agora/pagine/tv-dei-ragazzi

 

Pubblicato da

Minorididiritto

L’azione dell’Osservatorio è di promuovere e difendere i diritti umani e dei minori per lo sviluppo integrale della vita dei giovani soprattutto i più poveri e svantaggiati per realizzare l’impegno di prevenzione, di sviluppo umano integrale, di costruzione di un modo più equo, più giusto e più salubre. Minori Protagonisti di Diritto è il nostro motto che indica la nostra intenzione di promozione dei principi propri della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata il 20 novembre 1989 presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il nostro obiettivo è di promuovere la conoscenza della Convenzione ONU, della normativa Europea ed in particolare quella Nazionale e delle pratiche significative per fare dei Diritti Umani la forma più avanzata di rinnovamento del Sistema Preventivo in quanto metodo educativo che Don Bosco ha praticato con intuizione profetica e che ci ha lasciato per la formazione dei giovani in Italia e nei Paesi più Poveri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...