Safer Internet Day. “(ri)adattarsi alle categorie dell’umano che spesso in rete mettiamo da parte”

Non è un caso che il tema del Safer Internet Day 2019 che si celebra oggi sia ‘Together for a better internet’. La dimensione dell’‘insieme’ rappresenta, infatti, una delle istanze primarie di quel cambio di paradigma interpretativo che riguarda i media nel tempo presente. Un paradigma che tutti (addetti ai lavori e non) annusano e fanno proprio elaborando riflessioni profondamente diverse da quelle esclusivamente tecnicistiche, proposte fino a qualche anno fa

Lo afferma Massimiliano Padula, presidente del Copercom (Coordinamento delle Associazioni per la comunicazione), in un commento scritto per L’Osservatore Romano in occasione della sedicesima edizione della Giornata mondiale per la sicurezza online istituita e promossa dalla Commissione europea.

Media oggi significa essere connessi, sempre e ovunque. Vuol dire vivere porzioni di vita online, senza bottoni di accensione o spegnimento, senza confini o griglie temporali prestabilite

Si tratta, osserva Padula, di “una rimodulazione esistenziale impegnativa che non tutti, però, comprendono e accettano. A volte per ingenuità, altre per pregiudizio, altre volte ancora per mero tornaconto personale”.
Per il presidente del Copercom “il web rappresenta non più un processo verticale gestito da élites esclusive, ma una dimensione orizzontale che riflette appieno la nostra umanità. Adesso i media, nella loro declinazione digitale, siamo diventati noi”. La sfida, dunque, “è proprio in quel ‘(ri)adattarsi’ a tutte quelle categorie dell’umano che fanno parte della nostra esistenza da sempre e spesso in rete mettiamo da parte”.

Intelligenza, rispetto della dignità della persona, ascolto, dialogo, prossimità, diventano, pertanto, le bussole per orientare creando – scrive Papa Francesco nel Messaggio per la 53ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali – quell’”autentico cammino di umanizzazione [che] va dall’individuo che percepisce l’altro come rivale, alla persona che lo riconosce come compagno di viaggio’”.

Published by

Minorididiritto

L’azione dell’Osservatorio è di promuovere e difendere i diritti umani e dei minori per lo sviluppo integrale della vita dei giovani soprattutto i più poveri e svantaggiati per realizzare l’impegno di prevenzione, di sviluppo umano integrale, di costruzione di un modo più equo, più giusto e più salubre. Minori Protagonisti di Diritto è il nostro motto che indica la nostra intenzione di promozione dei principi propri della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata il 20 novembre 1989 presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il nostro obiettivo è di promuovere la conoscenza della Convenzione ONU, della normativa Europea ed in particolare quella Nazionale e delle pratiche significative per fare dei Diritti Umani la forma più avanzata di rinnovamento del Sistema Preventivo in quanto metodo educativo che Don Bosco ha praticato con intuizione profetica e che ci ha lasciato per la formazione dei giovani in Italia e nei Paesi più Poveri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...