UNHCR APPELLO COVID – 19 SULLA CRISI IN CORSO: OCCORRE CONCENTRARSI SU OGNI SINGOLO INDIVIDUO COMPRESE LE PERSONE RIFUGIATE.

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha lanciato il primo appello per rispondere alla crisi in corso  UNHCR COVID-19 Appeal – March 2020 sottolineando l’importanza di includere nell’emergenza che il mondo sta affrontando ogni individuo, compresi coloro che ancora oggi sono costretti a fuggire dai propri paesi: si stima, al riguardo, che sono oltre 70 milioni le persone costrette a vivere lontano dalle proprie case a causa di persecuzioni, conflitti, violenze e violazioni di diritti umani. Di queste, più di 20 milioni sono rifugiati, e l’84% è attualmente accolto da nazioni che dispongono di sistemi di assistenza medica, approvvigionamento idrico e servizi igienico-sanitari meno efficienti.

“Assicurare accesso incondizionato ai servizi di assistenza sanitaria, anche ai membri della comunità più emarginati, rappresenta il modo migliore di proteggere la salute di tutti noi. A chiunque, compresi rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni, deve essere garantito l’accesso alle strutture e ai servizi sanitari”. Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Dei 100 i Paesi che hanno registrato al loro interno casi di trasmissione di COVID-19, 34 accolgono popolazioni di rifugiati che eccedono le 20.000 unità e che, al momento, fortunatamente non risultano  contagiati dal virus.

“Allo stato attuale, e sulla base delle prove a nostra disposizione, non sono stati registrati casi di infezione da COVID-19 tra rifugiati e richiedenti asilo. Tuttavia, il virus può contagiare chiunque ed è responsabilità di noi tutti assicurare che la risposta mondiale includa ogni singolo individuo” Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Prevenzione, preparazione e comunicazione sono necessari per contrastare l’emergenza in situazioni in cui rifugiati e sfollati interni  si trovano a vivere in aree interessate da sovraffollamento o nelle quali i servizi di salute pubblica e di altro genere sono già prossimi al collasso o a corto di risorse.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: