Le lacrime del piccolo Emanuele e il «dolore del cuore»

«Magari tutti noi potessimo piangere come Emanuele, quando avremo un dolore come ha lui nel cuore», sillaba. Papa Francesco, in visita alla parrocchia di San Paolo della Croce nel quartiere di Corviale, davanti al «Serpentone», undici piani per un chilometro di palazzone, esempio del peggio che si possa fare in una periferia.

Il tuo papà non aveva il dono fede ma ha fatto battezzare i figli, aveva il cuore buono. Sicuramente a Dio questo è piaciuto tanto. Pensate che possa averlo lasciato lontano da lui?”. Papa Francesco, incontrando i bambini che frequentano il catechismo nella parrocchia di San paolo della Croce a Corviale rassicura così il bimbo, che, nel momento di rivolgergli la sua domanda, scoppia a piangere e, invitato da Francesco ad avvicinarsi e parlargli all’orecchio, gli chiede se suo padre, ateo ma che aveva fatto battezzare i suoi figli, sia andato in cielo.  Continua a leggere “Le lacrime del piccolo Emanuele e il «dolore del cuore»”

Violenza a scuola. Paolo Crepet:”Emergenza che va gestita a partire dalla famiglia”

Su Tagada, programma di La7, è intervenuto lo psichiatra Paolo Crepet, che commenta gli ultimi episodi di violenza degli alunni nei confronti di docenti. “Noi non abbiamo più figli, ma piccoli Budda a cui noi siamo devoti, per cui possono fare tutto. Scelgono dove andare a mangiare, in quale parco giochi. Siamo diventati genitori che dicono sempre di si. Ma questo è sbagliato”.  Continua a leggere “Violenza a scuola. Paolo Crepet:”Emergenza che va gestita a partire dalla famiglia””

“Pischelli in Paradiso”: l’accoglienza, motore della società

Verrà presentato mercoledì 31 gennaio, alle 16 presso il Borgo Ragazzi don Bosco in via Prenestina 468, a Roma, il libro collettivo “Pischelli in paradiso, storie di ragazzi del centro accoglienza don Bosco” a cura di Luca Kocci.  Diciassette storie presenti nel libro, tutte diverse e interessanti, che attraversano 25 anni di storia e di cambiamenti della città, delle periferie, dei ragazzi. Le prime cinque storie sono tratte dal libro di don Alfonso Alfano, “Pischelli in paradiso”, fondatore del centro nel lontano 1992 e venuto a mancare lo scorso anno.

L’incontro sarà moderato da Daniela de Robert, giornalista Rai e membro dell’Autorità garante dei detenuti e delle persone private della libertà personale.  Continua a leggere ““Pischelli in Paradiso”: l’accoglienza, motore della società”

Perchè gli adolescenti scommettono on line?

Che cosa si intende per “comunità educante“? Quali sono le principali difficoltà che incontrano i giovani del territorio romano? Ce lo spiegano, in una doppia intervista, don Claudio Tuveri, parroco della parrocchia Santa Maria Ausiliatrice (quartiere Tuscolano) e don Massimiliano Dragani, incaricato dell’oratorio. Continua a leggere “Perchè gli adolescenti scommettono on line?”

Don Stefano Aspettati del Borgo Ragazzi Don Bosco spiega chi sono i “giovani invisibili”

La povertà educativa è un problema che non riguarda solamente la scuola, ma è da considerarsi un fallimento familiare e sociale.

Ieri mattina nel programma televisivo Buongiorno Regione don Stefano Aspettati del Borgo Ragazzi Don Bosco di Roma ha parlato di abbandono scolastico e di “ragazzi invisibili alla società civile”. Questi ragazzi invece esistono, anzi saranno i protagonisti dello spettacolo “150 giovani in cerca d’autore” che debutterà questa sera, alle 20.30, presso il Teatro sociale Filippo Smaldone (zona Prenestina). Continua a leggere “Don Stefano Aspettati del Borgo Ragazzi Don Bosco spiega chi sono i “giovani invisibili””

Le classi vuote sono un fallimento sociale

La povertà educativa è un problema che non riguarda solamente la scuola, ma è da considerarsi un fallimento familiare e sociale.

Questa mattina a parlare di abbandono scolastico, nel programma televisivo Buongiorno Regione, è stato don Stefano Aspettati del Borgo Ragazzi Don Bosco di Roma.  Continua a leggere “Le classi vuote sono un fallimento sociale”

“Cosa ci porta a disprezzare i più deboli?”. Il Papa nella prima Omelia del 2018 a Santa Marta riporta l’attenzione sul bullismo

Si comincia dall’infanzia, da quando si è bambini e a scuola si aggredisce il più «debole» perché è grasso, è nero, è straniero o un po’ così. È quell’istinto che sociologi e psicologi identificano nel fenomeno del bullying , più semplicemente bullismo, il «forte che si prende beffa e disprezza il più debole». Per il Papa ha una radice chiara: Satana. «Forse gli psicologi daranno le loro spiegazioni di questa volontà di annientare l’altro perché è debole, ma io dico che questa è una delle tracce del peccato originale. Questa è opera di Satana», afferma Francesco nella messa a Santa Marta, la prima del 2018 dopo le vacanze. È evidente che sia così: «In Satana non c’è compassione». Continua a leggere ““Cosa ci porta a disprezzare i più deboli?”. Il Papa nella prima Omelia del 2018 a Santa Marta riporta l’attenzione sul bullismo”

#CONIBAMBINI é TUTTA UN’ALTRA STORIA! IL PRIMO CONTEST LETTERARIO RIVOLTO AI RAGAZZI SCADE IL 30 NOVEMBRE

Con i Bambini: tutta un’altra storia” è il primo contest letterario gratuito rivolto ai ragazzi il cui filo conduttore è legato ai problemi e alle fragilità degli adolescenti di oggi, con particolare attenzione a coloro che vivono in territori disagiati.

L’iniziativa è organizzata dall’ impresa sociale Con i Bambini, una organizzazione senza scopo di lucro nata lo scorso giugno per attuare i programmi del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. Continua a leggere “#CONIBAMBINI é TUTTA UN’ALTRA STORIA! IL PRIMO CONTEST LETTERARIO RIVOLTO AI RAGAZZI SCADE IL 30 NOVEMBRE”

INVESTIRE NEL SOCIALE FA RISPARMIARE NEL PENALE. LA LOGICA DELLA PREVENZIONE HA ISPIRATO LE PROPOSTE

Alla vigilia della legge di Stabilità, Simonetta Matone, magistrato e Presidente dell’Osservatorio Nazionale per la Famiglia ha dichiarato che “sui temi delle varie solitudini e fragilità familiari, gli investimenti che il governo intenderà fare, più che una spesa saranno un risparmio per tutti”. Continua a leggere “INVESTIRE NEL SOCIALE FA RISPARMIARE NEL PENALE. LA LOGICA DELLA PREVENZIONE HA ISPIRATO LE PROPOSTE”