L’EVOLUZIONE DELLA FAMIGLIA TRA DIRITTO E SOCIETA’

“Abbiamo messo a fuoco l’esigenza di migliorare il sistema-giustizia in ambito familiare con strumenti di soluzione conciliativa delle problematiche inerenti alle relazioni familiari ed interpersonali.” – così spiega Gianni Ballarani, docente di Diritto Privato, commentando gli interventi di questi giorni dei giuristi Liliana Rossi Carleo, Michele Sesta, Mirza Bianca, Francesca Stilla e Marta Giovannini.

Per una coppia coniugata con figli minori la materia dell’affidamento della prole non può essere sottratta al vaglio giudiziale, nemmeno a fronte dell’accordo fra le parti, mentre per una coppia non sposata il ricorso alle procedure di affidamento si realizza solo su richiesta di una delle parti.” Si tratta di una discriminazione che deve essere eliminata; il principio chiave è il diritto del minore a crescere nella propria famiglia“.

Questo troppo spesso non si concretizza anche a causa del carattere residuale dell’affidamento e dell’adozione.

Tutti d’accordo anche sull’esigenza di dotare i servizi sociali di risorse idonee a garantire il pieno coinvolgimento della famiglia di origine nel tentativo di evitare la disgregazione e lo sradicamento del minore.

Pubblicato da

Minorididiritto

L’azione dell’Osservatorio è di promuovere e difendere i diritti umani e dei minori per lo sviluppo integrale della vita dei giovani soprattutto i più poveri e svantaggiati per realizzare l’impegno di prevenzione, di sviluppo umano integrale, di costruzione di un modo più equo, più giusto e più salubre. Minori Protagonisti di Diritto è il nostro motto che indica la nostra intenzione di promozione dei principi propri della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata il 20 novembre 1989 presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il nostro obiettivo è di promuovere la conoscenza della Convenzione ONU, della normativa Europea ed in particolare quella Nazionale e delle pratiche significative per fare dei Diritti Umani la forma più avanzata di rinnovamento del Sistema Preventivo in quanto metodo educativo che Don Bosco ha praticato con intuizione profetica e che ci ha lasciato per la formazione dei giovani in Italia e nei Paesi più Poveri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...