Alfie, bocciato il ricorso dei genitori: il bimbo non andrà al Bambino Gesù

Un altro no per i genitori del piccolo Alfie Evans, il cui destino a questo punto sembra segnato. I giudici della Corte d’Appello hanno respinto la richiesta dei genitori del bambino di 23 mesi, vivo grazie alle macchine, di modificare la precedente decisione del tribunale. Lo riferisce la Bbc online. L’Alta Corte di Londra ha autorizzato a staccare la spina che tiene in vita il bimbo contro la volontà dei genitori, che vorrebbero trasferirlo al Bambin Gesù di Roma.

Tom Evans, 21 anni, e Kate James, 20 anni, avevano chiesto ai giudici della Corte d’Appello di concedere ad Alfie il permesso di lasciare l’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool e andare all’estero, per ricevere una terapia palliativa presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma. La coppia di Liverpool, aveva già perso le sue battaglie per non staccare i supporti vitali del bimbo, presso l’Alta corte, la Corte d’appello, la Corte suprema e la Corte europea dei diritti dell’uomo.

I giudici d’appello britannici che oggi hanno respinto il ricorso del papà e della mamma del piccolo Alfie Evans contro la decisione di staccare la spina hanno tuttavia ordinato che il bambino continui a ricevere cure e l’assistenza vitale delle macchine fino a una nuova azione di fronte alla Corte Suprema del Regno già annunciata dai genitori. Il nuovo ricorso riguarda nello specifico la richiesta della famiglia di trasferire Alfie al Bambino Gesù di Roma, che si è già dichiarato disposto a continuare ad assisterlo.

Alcune associazioni pro-vita hanno organizzato questa sera a Torino una fiaccolata, ‘Liberate Alfie Evans’, in sostegno dei genitori del piccolo bambino inglese Alfie Evans, 21 mesi, ricoverato a Liverpool per una malattia neurologica degenerativa molto invalidante non del tutto identificata.

Pubblicato da

Minorididiritto

L’azione dell’Osservatorio è di promuovere e difendere i diritti umani e dei minori per lo sviluppo integrale della vita dei giovani soprattutto i più poveri e svantaggiati per realizzare l’impegno di prevenzione, di sviluppo umano integrale, di costruzione di un modo più equo, più giusto e più salubre. Minori Protagonisti di Diritto è il nostro motto che indica la nostra intenzione di promozione dei principi propri della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata il 20 novembre 1989 presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il nostro obiettivo è di promuovere la conoscenza della Convenzione ONU, della normativa Europea ed in particolare quella Nazionale e delle pratiche significative per fare dei Diritti Umani la forma più avanzata di rinnovamento del Sistema Preventivo in quanto metodo educativo che Don Bosco ha praticato con intuizione profetica e che ci ha lasciato per la formazione dei giovani in Italia e nei Paesi più Poveri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...