Crisi immigrazione in Grecia. I bambini tentano il suicidio

Autolesionismo e tentativi di suicidio nei minori sono soltanto le ultime preoccupanti notizie dall’hotspot di Moria, sull’isola di Lesbo, in Grecia. Dove si ammassano 11 mila migranti in condizioni igieniche e sanitarie drammatiche. La testimonianza dell’attivista per i diritti umani Nawal Soufi

È di nuovo emergenza a Lesbo. O, meglio, è emergenza continua nell’isola greca, dove il numero delle persone ospitate nell’hotspot di Moria, a pochi chilometri dal capoluogo Mitilene, continua a crescere: nella prima metà di settembre sono sbarcati 1.500 migranti, che vanno ad aggiungersi ai tanti che da mesi, alcuni da anni, languiscono nel centro governativo in attesa di una soluzione che non arriva.

Al momento a Moria ci sono quasi 11 mila persone. Una situazione ormai insostenibile, come testimonia Nawal Soufi, l’attivista per i diritti umani che dal 2013 diffonde gli Sos dei migranti e che, con il suo impegno, ha contribuito a salvare migliaia di persone nel Mediterraneo. Anche l’Unicef, poche settimane fa, aveva dipinto un quadro simile. «Mentre il numero di minorenni rifugiati e migranti che arrivano sulle isole della Grecia continua ad aumentare, le condizioni presso i centri che li ospitano diventano sempre più spaventose e pericolose», ha dichiarato Lucio Melandri, coordinatore Unicef per la Risposta alla crisi rifugiati e migranti in Grecia.

«Tutti i rifugiati e i migranti che vivono in centri di accoglienza e identificazione, soprattutto i minorenni, hanno bisogno di essere trasferiti sulla terraferma senza ulteriori ritardi, in modo che vengano assicurati loro adeguati alloggi, protezione, cure mediche e altri servizi di base».

 

Reportage completo di Federica Tourn su https://www.osservatoriodiritti.it/2018/10/12/migranti-grecia-crisi-immigrazione/

Photo credits: UNICEF/UNI197532/Gilbertson VII Photo

Published by

Minorididiritto

L’azione dell’Osservatorio è di promuovere e difendere i diritti umani e dei minori per lo sviluppo integrale della vita dei giovani soprattutto i più poveri e svantaggiati per realizzare l’impegno di prevenzione, di sviluppo umano integrale, di costruzione di un modo più equo, più giusto e più salubre. Minori Protagonisti di Diritto è il nostro motto che indica la nostra intenzione di promozione dei principi propri della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata il 20 novembre 1989 presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il nostro obiettivo è di promuovere la conoscenza della Convenzione ONU, della normativa Europea ed in particolare quella Nazionale e delle pratiche significative per fare dei Diritti Umani la forma più avanzata di rinnovamento del Sistema Preventivo in quanto metodo educativo che Don Bosco ha praticato con intuizione profetica e che ci ha lasciato per la formazione dei giovani in Italia e nei Paesi più Poveri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...