Violenza e abuso

Giornata contro l’uso di bambini soldato, vittime silenziose di un mondo brutale

La Giornata internazionale contro l’uso dei bambini soldato ricorre annualmente il 12 febbraio, giorno in cui nel 2002 è entrato in vigore il Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti dell’infanzia sulcoinvolgimento dei bambini nei conflitti armati.

In occasione della Giornata l’Osservatorio Salesiano per i Diritti dei Minori ricorda le migliaia di bambini arruolati e vittime di violenze, comprati e usati per scopi bellici, vittime silenziose di un mondo ingiusto e brutale.

Ad oltre tre anni dall’inizio del conflitto nel Sud Sudan, minorenni continuano a essere reclutati da forze e gruppi armati: secondo l’UNICEF nel solo 2016 ne sono stati reclutati 1.300. Questo dato porta il numero totale di minori utilizzati dall’inizio del conflitto (2013) a oltre 17.000.  A queste vanno aggiunte altre drammatiche cifre: 2.342 i minori uccisi o mutilati; 3.090 quelli rapiti,  1.130 quelli vittime di abusi sessuali.
In totale, 1.932 bambini sono stati rilasciati da forze e gruppi armati: 1.755 nel 2015 e 177 nel 2016.
«Non possiamo aspettare la pace per aiutare i bambini intrappolati nelle guerre» afferma il presidente dell’UNICEF Italia Giacomo Guerrera. «Dobbiamo investire in interventi concreti per tenerli lontani dalle linee di combattimento, soprattutto attraverso l’istruzione e il sostegno economico alle famiglie. Bisogna promuovere interventi immediati e a lungo termine di sostegno psico-sociale, educativo e di formazione professionale».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...