Immigrazione: senza un accordo europeo la situazione non può migliorare

Il 9 gennaio scorso sono sbarcati nel porto di Malta i 49 migranti che per 19 giorni sono rimasti a bordo delle navi delle ong Sea Watch e Sea Eye . Si tratta di uomini, donne e bambini che verranno ridistribuiti in otto Paesi europei tra cui l’Italia.
Gli otto paesi Ue che hanno confermato la propria disponibilità al ricollocamento dei migranti a bordo della Sea Watch sono Germania, Francia, Portogallo, Irlanda, Romania, Lussemburgo, Olanda e Italia e siamo di certo lieti di questa dimostrazione di solidarietà e di collaborazione tra i Paesi Europei.
Anche se visibilmente stanchi e provati dalla permanenza in mare queste persone hanno trasmesso in modo inequivocabile la gioia provata al momento di toccare terra.
«Accogliamo con favore questa dimostrazione di solidarietà – ha dichiarato Muscat, il Premier maltese – a riconoscimento del fatto che Malta ha fatto molto di più di ciò che gli spettava».
La svolta decisiva è stata data dalla collaborazione tra gli Stati Europei e riteniamo sia questa la strada da seguire: solo attraverso una vera cooperazione tra Stati si potrà raggiungere una soluzione veramente utile, sia per coloro che intraprendono questi viaggi sia per i Paesi chiamati all’accoglienza, in grado di dare risposte concrete alla delicata questione dell’immigrazione che ha visto protagonista l’Europa negli ultimi anni.
Occorre senza dubbio continuare a combattere i trafficanti di essere umani e quanti lucrano sui migranti e garantire maggiore sicurezza nel mediterraneo, ma tali traguardi non si raggiungeranno con la chiusura dei porti, soprattutto davanti alla richiesta di aiuto dei bambini, perché questi ultimi hanno il diritto di essere accolti senza limiti e di poter sperare e sognare un futuro migliore.
Per raggiungere il risultato di un’immigrazione sicura ogni Paese Europeo deve farsi garante della protezione dei diritti umani e della dignità di quanti chiedono accoglienza.
Risulta, pertanto, fondamentale e non più procrastinabile la creazione di un sistema ordinato ed equo che aiuti i Paesi a regolamentare il movimento dei rifugiati e dei migranti.

Published by

Minorididiritto

L’azione dell’Osservatorio è di promuovere e difendere i diritti umani e dei minori per lo sviluppo integrale della vita dei giovani soprattutto i più poveri e svantaggiati per realizzare l’impegno di prevenzione, di sviluppo umano integrale, di costruzione di un modo più equo, più giusto e più salubre. Minori Protagonisti di Diritto è il nostro motto che indica la nostra intenzione di promozione dei principi propri della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata il 20 novembre 1989 presso l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il nostro obiettivo è di promuovere la conoscenza della Convenzione ONU, della normativa Europea ed in particolare quella Nazionale e delle pratiche significative per fare dei Diritti Umani la forma più avanzata di rinnovamento del Sistema Preventivo in quanto metodo educativo che Don Bosco ha praticato con intuizione profetica e che ci ha lasciato per la formazione dei giovani in Italia e nei Paesi più Poveri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...