Parte il progetto pilota INDICI, per generazioni digitali e consapevoli

Si chiama INDiCi, Intervento per Nuove generazioni Digitali Consapevoli e Informate il progetto pilota ideato e curato dalla cooperativa sociale Open group per indagare il rapporto tra nuove generazioni, web e uso di droghe.

L’iniziativa, avviata di recente, ha due obiettivi: raccogliere dati sui comportamenti a rischio di bambini e ragazzi su internet, soprattutto in relazione al reperimento di sostanze stupefacenti attraverso la rete; sperimentare azioni che puntino alla sensibilizzazione delle nuove generazioni per favorire un uso consapevole e responsabile del web. Continua a leggere “Parte il progetto pilota INDICI, per generazioni digitali e consapevoli”

Perchè gli adolescenti scommettono on line?

Che cosa si intende per “comunità educante“? Quali sono le principali difficoltà che incontrano i giovani del territorio romano? Ce lo spiegano, in una doppia intervista, don Claudio Tuveri, parroco della parrocchia Santa Maria Ausiliatrice (quartiere Tuscolano) e don Massimiliano Dragani, incaricato dell’oratorio. Continua a leggere “Perchè gli adolescenti scommettono on line?”

GIOVANI, CANNABIS E SCHIZOFRENIA

Il consumo di cannabis in adolescenza nei soggetti predisposti anticipa l’insorgenza dei sintomi di schizofrenia anche di dieci anni.

Lo afferma uno studio presentato al World Psychiatric Association’s World Congress di Berlino, secondo cui l’ ‘anticipo è proporzionale alla quantità di sostanza consumata. I ricercatori del Max Planck Institute of Experimental Medicine hanno studiato 1200 persone con una diagnosi di schizofrenia, analizzando diversi fattori di rischio, genetici e ambientali, per la malattia. Il risultato è stato che chi ha consumato cannabis prima dei 18 anni sviluppa la malattia approssimativamente dieci anni prima degli altri, con una maggiore frequenza d’uso che è associata a una minore età di insorgenza, mentre il consumo di alcol non sembra avere effetto.

“L’uso di cannabis durante la pubertà – conclude Hannelore Ehrenreich, l’autrice principale, al sito di Scientific American – è uno dei fattori di rischio principali per la schizofrenia”. Il risultato, è emerso durante la conferenza, conferma quelli ottenuti da almeno altri studi precedenti, che hanno trovato un legame tra l’uso giovanile e le psicosi.